Strutture ricettive ed alberghiere

Fatti, violazioni, denunce

Nel mese di settembre del 2016, l’amministratore unico dell’Hotel St. Gregory Park di Rimini ha rifiutato la prenotazione a una persona non vedente accompagnata dal proprio cane guida, ignorando le leggi nazionali che garantiscono l’accesso in qualsiasi luogo pubblico ai cani guida (Legge 37/74, seguita dalle Leggi 376/88 e 60/06).
Di fronte a un sit-in di protesta promosso davanti all’albergo da numerose persone con e senza disabilità visiva dell’Associazione Blindsight Project, lo stesso amministratore unico si è rivolto alle Forze dell’Ordine, che a quel punto lo hanno però multato di oltre 800 euro, oltre a segnalarlo alla Procura della Repubblica.
L’UICI Nazionale (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) ha dato mandato allo studio legale Carta di Roma di procedere con una diffida formale nei confronti della struttura alberghiera dal reiterare condotte simili a quella adottata nei confronti della persona, giacché in violazione della normativa posta a tutela dei ciechi accompagnati da cani guida e di quella volta a contrastare le discriminazioni nei confronti di persone con disabilità.
Oltre quindi a invitare la struttura di Rimini a rappresentare alla persona le scuse per il pregiudizio arrecato, in forma sia privata che pubblica, l’UICI si è riservata di adire le vie legali per la tutela degli interessi collettivi da essa stessa rappresentati e di rivolgersi alle autorità amministrative competenti, chiedendo di adottare le determinazioni finalizzate sia a sanzionare l’illecita condotta, sia a prevenire la reiterazione di simili compromissioni dei diritti di cittadini privi di vista.

Vedi anche

Strutture ricettive ed alberghiere in Accessibilità delle strutture turistiche e ricettive