Vita culturale

Dati

Secondo i dati dell'ISTAT, nel 2016 il 19,5% delle persone con disabilità di 14 anni e più ha preso parte nell'ultimo anno alla vita culturale, svolgendo tre o più attività tra quelle considerate: recarsi almeno 4 volte al cinema, o almeno 1 volta rispettivamente a teatro, musei e/o mostre, siti archeologici, monumenti, concerti di musica, o aver letto un quotidiano almeno tre volte a settimana o letto almeno 4 libri nell'anno. La stessa percentuale per le persone senza disabilità si attesta invece al 31,8%.
Non si rilevano per la partecipazione culturale significative differenze di genere. 

Nello specifico, nel corso di un anno il 10,7% delle persone con disabilità sopra i 14 anni è andato al cinema, a teatro o a vedere qualche spettacolo, rispetto al 20,6% delle persone senza disabilità. La percentuale più bassa di fruizione di eventi culturali e del tempo libero si registra tra le donne con disabilità, pari all'8,9%, contro il 13,3% degli uomini con disabilità e il 18,1% delle donne senza disabilità (risulta invece pari al 23,0% tra gli uomini senza disabilità).
Tale andamento risulta del tutto diverso se si considerano le diverse fasce di età. La percentuale dei fruitori, con disabilità e non, di spettacoli risulta quasi identica nel caso delle generazioni di 14-44 anni. Inoltre le donne con disabilità di questa stessa fascia di età superano in fruizione le loro coetanee senza disabilità (26,4% contro 22,3%, a fronte del 26,3% degli uomini con disabilità e del 29,5% degli uomini senza disabilità di pari età).

Riguardo alla lettura, il 65,5% delle persone con disabilità di 14 anni e più dichiara di non leggere mai libri (a fronte del 56,7% delle persone senza disabilità). Valore che sale al 70,2% nel caso degli uomini con disabilità, contro il 62,1% delle donne con disabilità (tra le persone senza disabilità, non legge mai il 65,0% degli uomini e il 48,4% delle donne).

Attenzione merita anche la partecipazione degli alunni con disabilità alle uscite didattiche e alle gite d'istruzione in luoghi e siti rilevanti ai fini ludici e culturali. Informazioni, queste, che vengono rilevate annualmente dall'ISTAT attraverso la sua indagine sull'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado (gli ultimi dati disponibili si riferiscono all'anno scolastico 2016-2017).
Nel caso delle uscite didattiche brevi, che non prevedono il pernottamento, non partecipano a questo tipo di attività il 5,1% degli alunni con disabilità nella scuola primaria e il 9,4% nella secondaria di primo grado. Nel caso invece delle gite scolastiche con pernottamento la partecipazione risulta meno frequente, in particolare nella scuola secondaria di primo grado (non partecipano il 21,9% degli alunni con disabilità, a fronte del 10,3% registrato nelle scuole primarie), e si evidenzia una minore partecipazione nel Mezzogiorno.

Temi specifici

Prodotti culturali in formati accessibili

Programmi televisivi ed audiovisivi

Film

Spettacoli teatrali

Altre attività culturali

Politiche e misure per la promozione del potenziale creativo, artistico e intellettuale

Regolazione della proprietà intellettuale e accesso ai prodotti culturali