Valutazione multidisciplinare della disabilità

Fatti, violazioni, denunce

Marisa Melis, presidente dell’Associazione sarda Mondi Paralleli, ha dato visibilità, nel mese di settembre del 2015, al lungo iter burocratico e ai ricorsi cui è stata costretta, per ottenere l’indennità di accompagnamento per la figlia, riconosciuta invalida al 100%.
La prima causa vinta dalla Melis contro l’INPS è durata tre anni. Successivamente la figlia, divenuta maggiorenne, è stata sottoposta a una nuova visita collegiale, dopo la quale è stata appunto ritenuta invalida al 100% con inabilità totale e permanente, senza però avere più diritto all’indennità di accompagnamento, pur non essendo cambiato nulla nella proprie condizioni sanitarie.
Nel verbale dell’INPS si scriveva, tra l’altro, che la ragazza è «epilettica con crisi pluriquotidiane, ma si presenta bene».
Il nuovo ricorso presentato da Melis contro tale decisione è stato accolto dopo due anni e tre mesi, con un Giudice che ha restituito per la seconda volta alla figlia il diritto a ricevere l’indennità di accompagnamento.

Vedi anche

Valutazione multidisciplinare della disabilità in Diritto alla vita indipendente

Valutazione multidisciplinare della disabilità in Misure e azioni di sostegno personalizzato

Valutazione multidisciplinare della disabilità in Servizi e programmi per l’abilitazione

Valutazione multidisciplinare della disabilità in Politiche e misure per l’inclusione lavorativa