AZIONE 1 – Riforma del sistema di riconoscimento della disabilità

17
Azioni specifiche

0
Evase

0
Parziali

0
In contrasto

17
Inevase

Stato di esecuzione

Inevasa

Tipologia di azione

Intervento legislativo di tipo parlamentare, che partendo dall’adozione delle definizioni e del riconoscimento giuridico di “disabilità” e “persona con disabilità”, individui una delega per il Governo affinché, con uno o più decreti legislativi, si abroghino gli attuali sistemi di accertamento delle minorazioni civili e dell’handicap (unitamente alla condizione di disabilità ai fini lavorativi e di inclusione scolastica) e si adotti un nuovo sistema di riconoscimento volto all’individuazione dei sostegni utili alla persona con disabilità per l’effettiva partecipazione nella società, con adozione della conseguente e congruente criteriologia.

Azioni specifiche

La delega legislativa individua l’esatto percorso, gli strumenti e le risorse professionali ed organizzative adeguate per riconoscere la condizione di disabilità utili a predisporre gli opportuni sostegni e supporti, in termini di quantità, qualità ed intensità, per assicurare la concreta partecipazione, su base di pari opportunità con gli altri, della persona con disabilità. Per questo si ritiene, indispensabile prevedere:
Stato di esecuzione: inevasa

Obiettivo

Revisione organica del sistema di valutazione, riconoscimento e valutazione della condizione di disabilità e verifica del sistema di accesso alle prestazioni sociosanitarie, in linea con i principi dell’inclusione sociale e degli altri principi contenuti nella Convenzione ONU.

Soggetti promotori

Parlamento, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero della Salute.

Soggetti collaboratori

Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione, Ministero dell’istruzione, università e ricerca, Conferenza Unificata, INPS, Organizzazioni delle persone con disabilità e altre organizzazioni del Terzo Settore, Patronati sindacali, Centri di Ricerca, ISTAT.

Destinatari finali

Le persone con disabilità, INPS e Regioni.

Sostenibilità economica

Non richiede risorse economiche aggiuntive; è verosimile che, a regime, il nuovo sistema di riconoscimento produca risparmi di gestione.