LINEA DI INTERVENTO 4 – Inclusione scolastica e processi formativi

8
Azioni

0
Evase

2
Parziali

1
In contrasto

5
Inevase

22
Azioni specifiche

0
Evase

1
Parziali

0
In contrasto

21
Inevase

Relativamente ai temi trattati in questa Linea di intervento, le Osservazioni Conclusive al primo rapporto dell'Italia (31 agosto 2016) il Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità ha espresso su questi aspetti specifiche raccomandazioni ai punti 56, 58, 60.

“56. Il Comitato raccomanda di attuare un piano d’azione dotato di risorse sufficienti, con scadenze precise e obiettivi specifici, per monitorare l’attuazione delle leggi, dei decreti e dei regolamenti per il miglioramento della qualità dell’educazione inclusiva nelle classi, la fornitura di sostegno e la qualità della formazione degli insegnanti a tutti i livelli. Il Comitato inoltre raccomanda allo Stato parte di seguire le indicazioni dell’articolo 24 della Convenzione, compreso il Commento generale n. 4, nell’attuazione dell’Obiettivo 4 di Sviluppo Sostenibile, traguardi 4.5 e 4(a), al fine di garantire il pari accesso a tutti I livelli d’istruzione e formazione professionale, come pure di costruire o adeguare le strutture scolastiche in modo che siano confacenti e sicure per gli studenti con disabilità.”

“58. Il Comitato raccomanda allo Stato parte di monitorare e provvedere alla fornitura di interpreti della lingua dei segni altamente qualificati a tutti i bambini sordi che richiedano questo tipo di assistenza e che si astenga dal proporre assistenti generici alla comunicazione come unica alternativa.”

“60. Il Comitato raccomanda allo Stato parte di farsi carico di garantire tempestivamente la disponibilità di materiali didattici accessibili e la fornitura di tecnologie assistive mediante disposizioni di legge e altre misure, compresi i recenti decreti per l’attuazione della riforma della scuola, al fine di garantire un’istruzione inclusiva di qualità nella scuola ordinaria.”

AZIONE 1 – Migliorare la qualità dell’inclusione scolastica e dell’istruzione degli studenti con disabilità attraverso il miglioramento delle competenze del personale scolastico.

AZIONE 2 – Garantire l’uniformità dell’erogazione del servizio di assistenza nelle scuole.

AZIONE 3 – Migliorare l’accessibilità delle scuole e garantire gli accomodamenti ragionevoli.

AZIONE 4 – Garantire l’accesso all’istruzione domiciliare

AZIONE 5 – Garantire agli alunni con disabilità l’accesso alle scuole italiane all’estero

AZIONE 6 – Garantire l’accesso all’educazione precoce dei bambini con disabilità.

AZIONE 7 – Garantire la continuità tra orientamento/formazione e transizione al lavoro e l’accesso degli adulti con disabilità a percorsi d’istruzione e formazione permanente.

AZIONE 8 – Monitoraggio della qualità dell’istruzione