AZIONE 6 – Garantire l’accesso all’educazione precoce dei bambini con disabilità.

3
Azioni specifiche

0
Evase

0
Parziali

0
In contrasto

3
Inevase

Il decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 ha definito l'"Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni (...)". Il decreto tuttavia non contempla specificamente le indicazioni contenute in questa Linea di azione.
Merita ricordare che fra i principi ispiratori del sistema integrato viene previsto che "accoglie le bambine e i bambini con disabilità certificata ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nel rispetto della vigente normativa in materia di inclusione scolastica;" (articolo 1, comma 3).
Fra le competenze degli enti locali viene precisato che essi "autorizzano, accreditano, vigilano sugli stessi, applicando le relative sanzioni, i soggetti privati per l'istituzione e la gestione dei servizi educativi per l'infanzia, nel rispetto degli standard strutturali, organizzativi e qualitativi definiti dalle Regioni, delle norme sull'inclusione delle bambine e dei bambini con disabilità e dei contratti collettivi nazionali di lavoro di settore;" (articolo 7,comma 1, lett. b) 

Stato di esecuzione

Inevasa

Tipologia di azione

Intervento di tipo normativo, tecnico e amministrativo. L’accesso a percorsi d’istruzione e formazione dovrebbe essere garantito non solo nelle scuole di ogni ordine e grado, ma anche nei servizi educativi per la prima infanzia. Il diritto di accesso dei bambini con disabilità ai nidi d’infanzia, ai sensi della Legge 104/92, non è sufficiente a garantire ai bambini con disabilità l’accesso a percorsi di educazione precoce di qualità e pari opportunità di sviluppo delle loro capacità cognitive, comunicative e sociali. I nidi d’infanzia dovrebbero non solo accogliere tutti i bambini con disabilità, ma anche realizzare interventi educativi specifici volti a favorire l’espressione delle loro potenzialità cognitive, affettive e relazionali.

Azioni specifiche

a) Definire i livelli essenziali delle prestazioni dei servizi educativi per la prima infanzia a livello nazionale.
Stato di esecuzione: inevasa

Obiettivo

Consentire a tutti i bambini con disabilità pari opportunità di accesso agli asili nido e a programmi specifici ed efficaci di educazione precoce insieme ai coetanei.

Soggetti promotori

MIUR.

Soggetti collaboratori

Ministero della salute, Regioni, Enti locali, Organizzazioni delle persone con disabilità e altre organizzazioni del Terzo Settore, Servizi educativi per la prima infanzia.

Destinatari finali

Alunni e studenti con disabilità e le loro famiglie, Servizi educativi per la prima infanzia.

Sostenibilità economica

Richiede investimenti aggiuntivi per lo sviluppo di sperimentazioni e i processi formativi specifici.