AZIONE 1 – Individuazione di interventi specifici di miglioramento e integrazione lavorativa.

12
Azioni specifiche

0
Evase

0
Parziali

0
In contrasto

12
Inevase

Stato di esecuzione

Inevasa

Tipologia di azione

Azione di tipo normativo (Legge delega, decreti delegati, regolamenti)

Azioni specifiche

a) per gli infortuni sul lavoro verificatisi e le malattie professionali denunciate a partire dal 25/7/2000 rideterminare, previa valutazione d’impatto, la soglia di invalidità stabilita dalle norme vigenti per l’accesso al collocamento mirato, convertendo i gradi di riduzione o perdita dell’attitudine al lavoro (di cui alle tabelle allegate al TU 1124/1965) nel corrispondente grado di menomazione dell’integrità psicofisica (di cui alla tabella approvata con DM 12 luglio 2000);
Stato di esecuzione: inevasa

Obiettivo

Aggiornare ed adeguare la normativa per rendere più efficaci gli interventi previsti dalla Legge 68/99 e l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità.

Soggetti promotori

Parlamento; Ministero del lavoro e delle politiche sociali; Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL); Regioni.

Soggetti collaboratori

Imprese; Sindacati; INAIL; UPI, Organizzazioni delle persone con disabilità.

Destinatari finali

Lavoratori e disoccupati con disabilità; Servizi per il collocamento mirato.

Sostenibilità economica

Molte azioni sono a costo zero (tutte quelle legate a normative da modificare e/o aggiornare). Le azioni onerose sono nella gran parte a carico di enti locali (Regioni) e potrebbero essere sostenute con vincoli all’uso dei fondi attuali. Altre azioni su IRPEF impattano sulla fiscalità ordinaria. È, inoltre, da approfondire il possibile ricorso ai fondi europei.